Stereoscopia

Il primo visore per immagini stereoscopiche venne inventato nel 1833 da Sir Charles Wheatstone. Allora la fotografia non era ancora conosciuta e quindi venivano usati dei disegni (i primi daguerrotipi risalgono al 1837). Dal 1859 cominciò a svilupparsi a livello industriale la produzione di visori per stereoscopie, sulla base di un modello creato da O.W. Holmes, non molto dissimile da quello presentato qui sotto.

stereoscopio prodotto dalla americana Keystone (1904). Questo tipo di dispositivo ebbe un'enorme diffusione in tutte le case borghesi americane e d europee fino almeno agli anni della prima guerra mondiale e oltre.

 

Le immagini stereoscopiche vengono ottenute da una macchina fotografica con due obiettivi, per mezzo della quale si ottengono due fotografie, con punti vista distanti l'uno dall'altro 6,35 cm (2,5 pollici), corrispondenti pressapoco alla distanza esistente tra l'occhio sinistro e il destro di ciascuno di noi. Quando le due fotografie (apparentemente identiche) vengono osservate attraverso le lenti dello stereoscopio, gli occhi miscelano le due immagini in una sola, creando l'effetto tridimensionale.

uno stereoscopio stile Brewster del XIX sec.
uno stereoscopio Idealoscope della Ditta francese Richard (inizio XX sec.).
Questo stereoscopio francese da tavolo (circa 1890) funzionava a gettone e consentiva la visione di 24 fotografie. L'inserimento del gettone liberava la manopola sulla destra che azionava la sequenza delle immagini stereoscopiche.
Apparecchi come questo li si poteva trovare nella sala d'aspetto dei bordelli. Il gentiluomo in attesa poteva infilare la moneta nella gettoniera e osservare una sequenza di ritratti fotografici delle signore che prestavano servizio nella maison. (link)
Un elegante grafoscopio Souvenir de Paris (XIX sec.). Questo tipo di dispositivo permetteva sia di vedere le immagini ingrandite da una potente lente, sia di osservare le foto stereoscopiche attraverso delle lenti più piccole poste in basso. Questo modello quando è ripiegato misura cm. 28x17.
Due modelli di stereoscopio che hanno avuto una grande diffusione popolare nel XX secolo sono il Tru Vue e il View Master.
Il primo utilizza immagini stereo riportate su pellicola, mentre il View Master utilizza degli inconfondibili dischi di cartoncino.
Altri due stereoscopi vintage, di fabbricazione francese: a sinistra, lo stereoscope Lestrade e a destra, lo stereoscope Bruguiere.

 

 

^