< torna all'indice delle lastre

Life Model Slides

Le prime produzioni di lastre fotografiche per lanterna magica risalgono agli anni sessanta dell'800. Tra gli anni 80 e il primo decennio del 900 si diffuse principalmente nel Regno Unito e poi negli USA la produzione di Life Model Slides. Con questo termine ci si riferiva a lastre fotografiche nelle quali comparivano attori in costume, alle volte in posa dal vero, ma più spesso fotografatii in scenari di tipo teatrale. Questo tipo di lastre, spesso colorate a mano, illustravano racconti moralistici o sentimentali, canzoni, inni sacri, ma anche la trama di libri famosi e storie comiche. Il risultato era qualcosa per molti versi simile a un più moderno fotoromanzo. Di solito gli attori erano amici e parenti del fotografo stesso.

Nel Regno Unito, tra fine 800 e inizio 900, la produzione in serie di lastre con modelli dal vivo fu sterminata. Si ritiene che i due I principali produttori di questo tipo di lastre (Bamforth & Co. e York & Son) produssero circa 850 diverse serie di lastre. Le serie erano costituite da un numero variabile di lastre (da due soltanto, fino a 60).

In questa e nelle pagine successive presento alcuni esempi di serie di life model slides divise per la tematica trattata:

Il movimento per la Temperanza e la lotta all'alcolismo

Nel corso del XIX secolo l'alcolismo comincia ad essere percepito come una piaga sociale, probabilmente per il diffondersi di questo fenomeno tra le classi lavoratrici inurbate. Ne derivarono intense campagne moralizzatrici di cui nei Paesi anglosassoni fu protagonista il Temperance Movement. Il Movimento per la Temperanza era un importante movimento sociale organizzato in svariati gruppi (come il Salvation Army) che si batteva per la messa al bando degli alcolici. La battaglia del movimento si svolgeva sia mediante pressioni politiche sugli organi di governo, sia mediante l'utilizzo di tutti i mezzi alliora disponibili di propaganda. Tra i quali non poteva certo mancare la lanterna magica.

Questa lastra per lanterna magica in due parti sintetizza benissimo le insidie dell'alcolismo.

1. 'Un bicchiere non ti farà certo male', suggerisce lo spiritello alle spalle del giovane...

2. 'Fermati! Potrebbe ridurti a questo!' ci dice la seconda parte della vignetta, dove si vede il giovane davanti ad una Workhouse, ridotto in miseria.

Le Workhouses erano una temibile istituzione dell'Inghilterra vittoriana, dove i poveri e i mendicanti potevano ottenere un minimo sostentamento venendo sottoposti nello stesso tempo a un trattamento degradante, assimilabile al regime carcerario.

 

Quelli che seguono sono due esempi ben riusciti di life model slides utilizzate per propagandare le idee del Temperance Movement.

Dan Dabberton's Dream è un set di lastre per lanterna magica prodotto dalla York & Son nel 1885. Vi si racconta la Vigilia di Natale di Dan Dabberton, uomo ancora vigoroso, ma preso dal vizio del bere. Decide però di separasi dai suoi compagni di bevuta e di tornare a casa. In casa non ci sono la mogliie e la piccola figlia perché sono andate a vendere i loro lavori di cucito, unico mezzo di sostentamento della famiglia. Dan cade addormentato e in una lunga e bella sequenza di lastre in dissolvenza rivede in sogno la propria vita, dal fidanzamento al matrimonio, le prime sbronze, la nascita della figlia, e poi la visione del presente: la figlia e la moglie stanche e affamate. Infine un possibile futuro: la morte della cara moglie. Dan si sveglia di soprassalto e si trova davanti la moglie e la bambina a cui promette di non bere più.

   

 

 

Dick Wilson's Home è un set di lastre fotografiche per lanterna magica prodotto dalla York & Son nel 1897. Vi viene raccontata l'edificante serata in cui un certo Dick Wilson, decise di liberarsi dal terribile vizio del bere, di cercarsi un lavoro e di smettere di picchiare moglie e figli.

Nella prima lastra vediamo Dick rientrare a casa ubriaco e accingersi a bastonare senza motivo i suoi numerosi e affamati figli. La moglie, per fortuna, lo ferma e si accinge a mandare a letto i bambini.

Ma la più piccola vuole trattenersi ancora un momento per recitare una commovente preghierina. Nel frattempo i fratellini guardano con occhi affamati la cena che il padre si appresta a mangiare (tè e aringa affumicata).

"Non ho niente per voi stasera, bambini" dice addolorata e a bassa voce la loro mamma, "Speriamo che domani vada meglio". I bambini rispondono con un triste "Buonanotte" e corrono su, ai loro lettini.

Rimasti soli, la moglie Lucy racconta a Dick:"quei poveri bambini oggi hanno mangiato pochissimo e sono stati tutto il giorno fuori nella neve a cercare qualche rametto e qualche pezzo di carbone per potersi scaldare un poco." Dick la ascolta, scosso dalla preghierina della bambina e dai volti affamati dei bimbi.

"'Lucy, perché non mi gridi in faccia quello che sono: un demonio e un bruto!" Ma Lucy invece ricorda a Dick i loro anni migliori, quando ancora la loro vita non era stata rovinata dal vizio del bere. Dick si decide: "Lucy, Dio ti benedica. Quando un giorno ripenserai a questa serata potrai dire a te stessa che è stata la vita cristiana piena di fede e di speranza di mia moglie a salvarmi. Porta di nuovo giù i bambini. Ricominceremo tutto da capo."
Dal tono della voce della madre i bambini capiscono che non sono chiamati per la solita dose di botte. "Bambini, state dormendo? Scendete con me: papà vi vuole." "Venite bambini, - dice il padre - vostra madre mi ha detto che non avete mangiato e così voglio che vi sediate vicino al fuoco, faremo una piccola festa." Così Lucy vede che Dick ha diviso l'aringa in pezzi, sopra delle fette di pane.
I bimbi stupefatti ricevono ciascuno una porzione di pesce, con una tazza di tè. "Bene, vi piace? - chiede Dick - e ne vorreste tutti i giorni?" "Ci piacerebbe papà - risponde la più piccola - ma mamma ci ha detto che non può." "Mamma non può, ma papà si - risponde Dick - con l'aiuto di Dio." Quella notte fu l'inizio di una nuova vita nella casa di Dick Wilson. Vennero molti giorni, settimane ed anni di felicità e prosperità, perché Dick non tornò sui suoi passi e si allontanò per sempre dalla bottiglia. Ricominciò a lavorare e ringraziava sempre Dio di essersi salvato. (A conferma del benessere raggiunto, vediamo che sono stati appesi dei quadretti alle pareti). 

 

Oggi a osservare questi melodrammi può scappare un sorriso o uno sbadiglio, ma non era sicuramente questa la reazione del pubblico dell'epoca (ultima decade del XIX secolo). La vasta produzione di lastre per lanterna magica sul tema dell'alcolismo dimostra che il pubblico era interessato e coinvolto. Non si deve infatti dimenticare la grave situazione sociale da cui questi melodrammi erano ispirati. Del resto ogni epoca ha un suo proprio modo di ridere. Lo dimostrano le due lastre che seguono: forse ridevano gli uomini dell'epoca, ma agli occhi di oggi la vista di questa brevissima sequenza appare un po' grottesca e inquietante. Sullo sfondo si nota benissimo lo scenario dipinto.

Flo's Motor Ride

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Altri esempi di life model slides nella prossima pagina: Hello Central, Give Me Heaven >

 

^